Plus One
|


Negrisia di Ponte di Piave (TV) - Tel 0422.854640

NOVITA': MARTEDì SERA APERTO



UNA CENA MENÙ À LA CARTE
PER DUE PERSONE
CON UNO SCONTO DEL 10%


Scopri Come >
Prenota il tuo tavolo
Data
Open the calendar popup.
Persone

Prossimi eventi

Regala una cena

 
Il fiabesco nome deriva dalla curiosa professione del vecchio proprietario dell'edificio, rivenditore di laterizi, il quale riproduceva in cemento a stampo le figure dei sette nani della favola dei fratelli Grimm.
Negli anni '50 il locale è diventato un punto d'incontro per la gioventù del circondario, trasformandosi, come i nostalgici ricorderanno, nella prima balera della zona.

L'edificio è stato ristrutturato nel 1990 quando padrone di casa è diventato il signor Claudio Donazzon, gioviale intrattenitore per gli avventori di passaggio e allo stesso tempo chef fantasioso e di provata bravura in cucina. Dalle sue mani sortiscono numerose ricette, musicali nel nome ancor prima che nel sapore, all'insegna della genuina tradizione veneta rivisitata con discrezione e raffinatezza. "Fiori di radicchio in camicia", "Gnocchetti con cappe sante e porcini del sottobosco", "Vitello saporito al melograno", "Orata al cartoccio accompagnata da punte di asparagi e patate sabbiate" sono soltanto alcuni dei piatti riportati nel menù, puntualmente aggiornato in relazione alle stagioni.



Il tutto annaffiato con ottimi vini di produzione locale e veneta, anche se Claudio sta riscoprendo i solidi vini friulani e i profumati toscani.

Curiosamente, a coadiuvare il signor Donazzon ci sono altre sei persone, per un totale di sette, come gli allegri personaggi di Biancaneve. Il servizio, in effetti, è ricco di attenzioni e di simpatia e sa garantire a tutti gli ospiti un clima di cordiale familiarità.

Il locale, nella parte principale della casa padronale, dispone di due sale, ciascuna da 70 posti a sedere e di una saletta riservata. Questa parte del ristorante, in cui già dall'ingresso, con la console e la specchiera, il salottino con le tovaglie ricamate e i quadri, si avverte l'atmosfera calda e accogliente, è ideale per intime cenette e colazioni d'affari.



Di recente costruzione è invece la sala delle Feste con copertura a capriate lignee e pareti laterali apribili a scomparsa, adatta per qualsiasi tipo di incontro conviviale: battesimi, prime comunioni, cresime, feste di laurea che, grazie agli eleganti paraventi, permettono una certa riservatezza, nonché matrimoni e feste organizzate giacché la capienza è di 180 posti a sedere.

L'estroso Claudio inoltre, da maggio a settembre, trasforma i tre giardini che circondano il locale in altrettante terrazze estive, dove si può cenare attorniati dai profumi dell'aperta campagna e dal canto degli uccelli.